Visualizzazioni totali

mercoledì 24 dicembre 2014

«Nasciu lu Bambineddu» - Musica e poesia e nella tradizione natalizia casteldaccese

CasteldacciaPuntoDoc vuole augurarvi un buon Natale pubblicando il testo di una delle più belle canzoni natalizie in siciliano. Il testo è la musica sono stati composti da Giuseppe Vassallo, insegnante di musica in pensione.

NASCIU LU BAMBINEDDU

Rit. Dormi dormi bambineddu,
Duci duci di mamma to' (2 volte)

E nasciu lu Bambineddu
e nasciu chiù duci di prima
d'unni vinni stu masculiddu
lu Signuri ci lu mannò.
Lu mannò d'intra a manciatura
pi mustrari la puvirtà.
Li ricchizzi nun sunnu nenti
pi li sordi un s'ammazzanu genti.
Aiutati li puvireddi
i picciriddi e li vicchiareddi
diciticillu a chi nun lu sapi
a chi nun ci viri
a chi nun ci senti.


Rit. Dormi dormi bambineddu,
Duci duci di mamma to' (2 volte)

Tu nun dormi e nun voi durmiri
picchi ora lu munnu aggiustari
tutta a genti s'ava amari
e nun sulu pi stu Natali.
Sempri beni n'amu a vuliri
pi li stradi n'amu a salutari.
Li rancuri s'annu a livari
tutti amici am'addivintari.
Aiutamuni a campari
chista vita l'amu a migghiurari
picchi accussì voli lu Signuri
Lu Bamminu chistu vinni a fari.

Rit. Dormi dormi bambineddu,
Duci duci di mamma to' (2 volte)



Il testo è tratto dal libretto della Novena a Gesù Bambino della Parrocchia Maria SS. Immacolata di Casteldaccia, dal quale riportiamo la prefazione scritta da don Leonardo Ricotta:

La novena di Natale, o novena a Gesù Bambino, fino agli anni '50 si svolgeva nella Chiesetta Maria SS. del Rosario alle 5 del mattino. In genere venivano a predicare i Padri Cappuccini. Fu quindi trasferita in Parrocchia e, nel 1973, la celebrazione principale fu rinviata al pomeriggio.A partire dal 1993 si è voluto rivivere il gusto della Liturgia aurorale per cui viene celebrata la Santa Messa alle 6 del mattino. Nel pomeriggio vengono radunati i bambini e dopo mezz'ora di intenso catechismo fatto dal Parroco ha luogo un ricco sorteggio di premi natalizi. Anche nella Santa Messa vespertina si dà particolare solennità alla preparazione del Santo Natale.La Novena di Natale ha un posto di rilievo nella sensibilità religiosa dei Casteldaccesi e la stesura del presente libretto ne è prova e conseguenza.Esso, pur nella sua semplicità, vuole essere un punto di riferimento nella memoria storia della religiosità di questo popolo, soprattutto per quanto riguarda i canti e le preghiere locali, con particolare riferimento a quelle in dialetto siciliano. Casteldaccia, 25 dicembre 2011

Riportiamo anche la nota di padre Russo sulla novena:

La novena di Natale all'alba del 16 dicembre nella Chiesetta del Rosario aveva un tono intimo di patriarcalità familiare: ed era sempre ressa fino al marciapiede nella minuscola Chiesa capace di cinquanta posti. Continua nella Chiesa Parrocchiale ancora all'alba rotta da un più squillante suono di campane, benedetto almeno dal nutrito gruppo di devoti che sa fare una mortificazione per Gesù e non teme il freddo [Rocco Russo, Casteldaccia nella storia della Sicilia. Memorie di ieri, Palermo, Edizioni Arti Grafiche Battaglia, 1961, p. 237]

Nessun commento:

Posta un commento